domenica, Luglio 5LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Tutto sul Maine Coon

Tra tutte le razze di gatti c’è ne è una che regna su tutte, per grandezza e maestosità: è il Maine Coon, il gigante buono dei felini domestici. Un’enorme palla di pelo che detiene il record come il gatto più grande di tutti.

Un gatto dolce e affettuoso, nonostante la sua regalità, perfetto da tenere in casa, con qualche accortezza in più, vista la stazza imponente.

L’origine del Maine Coon

Iniziamo cercando di scovare, a ritroso nel tempo, l’origine di questo gatto imponente.

Dal nome si può dedurre facilmente che la sua collocazione geografica è nel Maine, in Nord America. Per questa ragione, in diverse parti del mondo, questa razza è anche conosciuta come il “gatto americano gigante”. È tutto così grande e imponente negli Stati Uniti, anche i gatti.

Maine Coon
Maine Coon

La sua origine sarebbe da far risalire all’arrivo dei primi coloni inglesi, che portarono in America gli Angora. Quest’ultimi si sarebbero poi mischiati con i gatti selvatici già presenti nella zona, i gatti delle foreste del nord, molto simili ai gatti delle foreste norvegesi.

Proprio questa somiglianza con i gatti delle nevi nord europei, farebbero pensare che, in realtà, l’origine dei Maine Coon risale a tempi decisamente più remoti. Secondo alcuni, infatti, sarebbero stati i gatti delle nevi portati dai vichinghi a mischiarsi con i gatti selvatici americani, dando vita alla razza di gatti giganti.

Vi è, infine, un’ultima teoria, la quale, tuttavia, è solamente una leggenda, infondata dal punto di vista genetico. Secondo alcuni, infatti, il Maine Coon è nato dall’incrocio tra un normale gatto del Maine e un procione. Da cui il nome Maine Coon, appunto “Procione del Maine”.

La leggenda, è rafforzata dall’amore che questo micione ha per l’acqua, proprio come i procioni.

I primi avvistamenti, riportati, comunque sia, risalgono al 1861, proprio nel Maine. Mentre in Italia non arrivano prima del 1986.

Caratteristiche fisiche e caratteriali

La prima cosa con cui si identifica un gatto Maine Coon è la sua incredibile stazza. Un maschio adulto, infatti, raggiunge senza problemi i 10 kg. Il pelo è un’altra delle sue caratteristiche principali. Un folto e lunghissimo manto, specialmente sulla coda, che lo rende, tra l’altro, anche impermeabile.

Il corpo è grande e muscoloso. Anche la testa è grande, con delle grandi orecchie larghe. Sulla schiena il pelo è più corto, ma da sotto il collo fino a tutto il ventre è folto e lungo, così come sulla coda.

Possiamo trovare Maine Coon con il manto di tutti i colori.

Maine Coon
Il Main Coon può essere di tutti i colori

Dal punto di vista caratteriale, il Maine Coon è docile e gentile e ben si adatta alla vita in casa. Nonostante le grandi dimensioni, infatti, è un perfetto gatto d’appartamento. È giocherellone, ama l’acqua e i posti rialzati. Se avete un gatto del Maine in casa, infatti, noterete quanto ami trovare un luogo sopraelevato dal quale osservare tutto ciò che succede. È facile, anche, trovarlo a sguazzare nella vasca da bagno che avevamo appena preparato per noi o giocare con l’acqua corrente del rubinetto.

È incredibilmente fedele e affettuoso. Ha bisogno del contatto umano, più di molte altre razze. Infatti, ama starsene accoccolato sul divano vicino al padrone ed è quindi perfetto per fare compagnia agli anziani o ai bambini.

La cura del Maine Coon

Ci sono alcune piccole accortezze che dobbiamo avere se abbiamo un Maine Coon in casa. Prima fra tutte è la cura del suo incredibile e folto manto. Bisogna, infatti, spazzolarlo almeno una volta a settimana. Nei periodi in cui perde più pelo anche tutti i giorni.

Dobbiamo, inoltre, stare attenti perché lavandosi inghiottisce un’enorme quantità di pelo. Ci sono croccantini specifici per le palle di pelo, ma alcune marche propongono addirittura quelli appositi per questa razza.

A differenza di altre razze di gatti, che non hanno bisogno di bagnetti periodici, il Maine Coon non li disdegna e, anzi, sono adatti anche per mantenere perfetto il suo manto.

31 Condivisioni