LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA

Tag: cane

Sei il mio umano preferito! Storie di fedeltà e amore

Sei il mio umano preferito! Storie di fedeltà e amore

Cani
Conosciamo tutti fin troppo bene la storia di Hachiko, il cane che ha commosso il mondo per il suo grande amore verso il padrone. Dopo la morte di quest’ultimo, il suo fedele amico a quattro zampe si è recato ogni giorno, per dieci anni, alla stazione aspettando, invano, il rientro del suo umano preferito. Ma questa non è l’unica storia di fedeltà e amore che vede come protagonisti i nostri amici animali e che ci lascia con un nodo in gola e gli occhi lucidi. Sono in molte le storie che ogni giorno raccontano la solitudine, l’attesa, l’amicizia e la fedeltà che solo gli animali riescono a provare. Ecco alcune storie di fedeltà e amore, ecco come i nostri piccoli e grandi amici pelosi ci fanno sapere che siamo il loro umano preferito! John Gray e Bobby La storia che andiamo a racconta
Problemi di salute a seconda della razza

Problemi di salute a seconda della razza

Veterinaria
Il pastore tedesco è destinato ad avere problemi alle anche delle zampe posteriori; i cani con il muso schiacciato soffrono di problemi respiratori, ecc. Sono molte le cose, vere o meno, che si sentono dire a proposito di determinate razze di cani, ma quali sono vere? I cani sono una delle specie animali più diversificate, con moltissimi razze e sottorazze. Eppure proprio per questa selezione alcune caratteristiche che possono portare a determinate malattie si accentuano in una razza piuttosto che in un'altra. Ci sono diversi problemi di salute riconducibili alla razza da tenere sotto controllo nel corso della vita del nostro amico a quattro zampe. Nonostante queste possono non verificarsi mai (si spera) ecco alcuni dei problemi di salute a secondo della razza. Displasia dell’anca – Pasto
Come proteggere gli animali dai botti di Capodanno

Come proteggere gli animali dai botti di Capodanno

News
Cani e gatti spesso sono terrorizzati dai botti di Capodanno. Talvolta tale paura li porta a scappare e perdere il senso dell’orientamento, ma anche a ferirsi durante i momenti di panico. Ecco alcuni consigli per aiutare i nostri animali domestici a passare la mezzanotte del nuovo anno il più serenamene possibile. Cani, gatti ed altri animali domestici Nonostante anche i gatti ed altri animali domestici soffrano per il fastidio provocato dai fuochi d’artificio, i più paurosi sono senza dubbio i cani. Essi, infatti, sviluppano una vera e propria fobia, molto simile ad un attacco di panico, che li porta a scappare, tremare di paura e talvolta anche a piangere, urinare o defecare. In generale, i cani rispondono in maniera ansiosa a qualsiasi rumore esagerato, arrivando all’apice con i botti
10 gadget per chi ha un cane o un gatto

10 gadget per chi ha un cane o un gatto

News
Chi ha un animale domestico sa che si passa molto tempo tra passeggiatine, pappe, coccole e giochi. Ed allora come ottimizzare questo tempo per renderlo più piacevole sia per noi che per il nostro amico a quattro zampe? Ecco 10 gadget per chi ha un cane o un gatto. Localizzatore GPS Uno degli incubi peggiori per chi possiede un animale è perderselo. Sia che abbiamo un gatto abituato ad uscire ma che, per qualsiasi motivo un giorno non rientra in casa, o che, nel corso di una passeggiata perdiamo di vista il cane, magari perché spaventato da qualcosa, la soluzione migliore è dotarli di un GPS. Con il GPS, attaccato al collare, possiamo sapere sempre esattamente dove si trovano semplicemente con un click. Campanello della porta per gatti Sempre nel caso abbiamo un gatto abituato a fa
Gli animali più letali

Gli animali più letali

News
La natura selvaggia ha le sue regole, per quanto queste possano risultare cruente a volte. E l’uomo spesso trova difficoltà a relazionarsi con questo lato oscuro del regno animale. C’è chi ha paura dei serpenti, chi una fobia indicibile dei ragni, chi salta se in acqua qualcosa gli sfiora le caviglie, ma in realtà chi sono davvero gli animali più letali al mondo? La zanzara Questo piccolo insetto che nel nostro paese consideriamo solamente fastidioso è in realtà il più grande killer del mondo. È al primo posto per decessi, causando ogni anno circa 830.000 vittime nel mondo, di cui la metà a causa della malaria. Oltre alla malaria, trasmettono numerose altre malattie, tra cui il virus Zika, la dengue e la febbre gialla. L’uomo Se vogliamo essere precisi nell’elencare gli animali più let
Kaos il cane eroe è morto avvelenato

Kaos il cane eroe è morto avvelenato

Cani
Erano le 7:40 del 30 Ottobre 2016, quando una scossa di magnitudo 6.5, con epicentro ad Amatrice, in provincia di Rieti, ha fatto tremare la terra del centro Italia. La più forte di una lunga scia sismica partita il 24 Agosto dello stesso anno e terminata il 18 Gennaio 2017, ma gli esperti temono non sia ancora finita. Il 10 Aprile di quest’anno, infatti, un’altra scossa di magnitudo 4.6 ha colpito le stesse zone. Quello di Amatrice è il terremoto più forte registrato in Italia dopo il 1980 e tra i 10 più forti dall’inizio del ‘900. I soccorsi sono arrivati da tutte le parti d’Italia, e non furono solamente umani. I cani eroi di Amatrice Il sisma del 30 Ottobre non ha fatto vittime fortunatamente, probabilmente perché era bassa stagione e le case del paese erano principalmente seconde case
Come gli animali si sono evoluti adattandosi all’uomo

Come gli animali si sono evoluti adattandosi all’uomo

News
Addomesticare un animale vuol dire adattarlo alla vita di casa, assieme all’uomo, condividendo usi e abitudini, oltre che lo stesso habitat. Ma come erano questi animali senza l’uomo? Ormai moltissimi animali si sono abituati alla presenza dell’uomo e viceversa. Non solo i più comuni gatti e cani, ma tutte quelle specie animali che vivono indisturbati nelle nostre città o centri abitati, come merli, passeri, colombe, piccioni, lucertole, topi, insetti, gli animali della fattoria, ecc, sono innumerevoli le specie che vivono a stretto contatto con l’uomo. Il primo animale ad essere addomesticato Si ritiene che il primo animale ad aver abbandonato la vita selvaggia sia stato proprio il migliore amico dell’uomo, il cane, addomesticato addirittura 100.000 anni fa. Anche se i primi esempi concre
Verità e falsi miti sulla sterilizzazione

Verità e falsi miti sulla sterilizzazione

Veterinaria
Quando si parla di sterilizzare un cane o un gatto, maschio o femmina che sia, ci si ritrova davanti ad un mare di falsi miti e luoghi comuni. “Sterilizzare un’animale è contro natura”, “Gli togli il divertimento”. In realtà cani e gatti non soffrono affatto dopo la sterilizzazione, anzi semmai è prima che soffrono. Prima di tutto se vogliamo proprio seguire la natura bisognerebbe lasciarli liberi di accoppiarsi ad ogni calore, cosa che diventerebbe insostenibile per noi. Inoltre l’accoppiamento e tutta la fase del calore non è affatto un divertimento per i nostri animali domestici. Sono in realtà gli ormoni impazziti e l’istinto che li spingono ad accoppiarsi, soffrendo per tutta la durata del calore, durante il quale oltre al caos interiore, si rischiano anche azzuffate con altri potenzi
In vacanza con i nostri amici pelosi

In vacanza con i nostri amici pelosi

News
L’estate è alle porte e come ogni anno i padroni di animali si ritrovano combattuti sul da farsi per le vacanze estive. Se non si ha la possibilità di lasciarli in casa, affidati ad amici e parenti, e lasciarli nelle mani di strutture attrezzate o di dog sitter professionisti non viene considerata, per un motivo o per un altro, un alternativa, la cosa migliore da fare è rimboccarsi le maniche ed organizzare una vacanza insieme. Il viaggio Il viaggio, prese le dovute precauzioni, non dovrebbe essere un problema. Oramai, sono moltissime le compagnie aeree che accettano cani e gatti a bordo, seguendo solamente alcune regole e pagando un biglietto per l’animale. Allo stesso modo i treni, soprattutto in Italia, accettano ormai gli animali da compagnia nei lori vagoni senza troppi problemi. In
Gli errori da non commettere nell’educazione del cucciolo

Gli errori da non commettere nell’educazione del cucciolo

Cani
La fase iniziale del rapporto tra padrone e cucciolo è cruciale per identificare in modo chiaro e univoco l’educazione del nuovo arrivato. Sul tema si è disquisito a lungo: esistono luoghi comuni diffusi, alcuni erronei e altri corretti Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza in merito a ciò che va fatto e agli errori da non commettere per l’educazione efficace e duratura del tuo nuovo amico a quattro zampe. Partiamo da un aspetto molto importante: un cucciolo non dovrebbe mai essere adottato prima del sessantesimo giorno di vita, il suo sviluppo psichico e comportamentale, infatti, dipendono in larga parte dalle interazioni con la madre e con i fratelli e dagli insegnamenti che, in questo ambiente protetto, gli vengono impartiti. Un’adozione prematura comporterebbe il grave rischio