venerdì, Settembre 25LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Le crocchette cruelty free

Se amiamo davvero i nostri animali dobbiamo dedicare tempo non solo a curare chi condivide il nostro stesso tetto (e magari pure il divano), ma anche agli altri. Per questo motivo le crocchette cruelty free sono una scelta consapevole per gli amici a quattro zampe e possono risparmiare sofferenze a tanti altri animali, ma scopriamo perché.

Cosa vuol dire cruelty free

Letteralmente vuol dire “libero da forme di crudeltà”, in pratica vuol dire che le crocchette con questo marchio non sono testate sugli animali.

Infatti anche nel 2020 molte aziende di alimenti per animali testano ancora i loro prodotti su “cavie”. Questo vuol dire che i nuovi gusti da immettere sul mercato verranno prima utilizzati su animali rinchiusi in laboratorio per capire se possono dare allergie o problemi digestivi, ma questo è il meno.

cruelty free
Scegliere alimenti cruelty free è un’atto d’amore anche per i nostri animali

Il problema più grande riguarda le crocchette veterinarie, cioè quelle per diete specifiche come diabete, problemi urinari o obesità. In questi casi quindi non si tratta solo di controllare se il prodotto è appetibile o crea allergie, ma bisogna capire se l’alimento funziona davvero; deve essere quindi testato su soggetti realmente malati. Le aziende, per questo motivo, spesso inoculano a cani e gatti cavie le malattie che poi cercano di guarire con le crocchette veterinarie. Solo a questo punto possono valutare realmente l’efficacia del loro prodotto.

Ma questo non è l’unico modo di agire, sempre più aziende, infatti, stanno trovando metodi alternativi per testare i prodotti. Per esempio alcune aziende cercano di utilizzare cani e gatti realmente malati monitorando il loro stato di salute, direttamente a casa loro. Questa tecnica viene utilizzata anche da chi produce pasti normali e non medicalizzati, nel comodo ambiente familiare vengono testati appetibilità e possibilità di reazioni allergiche.

Scegliere quindi crocchette cruelty free è un gesto d’amore non solo per i nostri animali da compagnia ma anche gesto etico e di coerenza. Se amiamo gli animali li amiamo tutti.

I marchi non testati sugli animali

Ad aiutarci nella scelta delle crocchette giuste c’è l’OIPA (l’organizzazione internazionale per la protezione degli animali) che stila periodicamente un elenco di quali sono le aziende da evitare e quali invece quelle da preferire proprio perché cruelty free. Vediamo quindi quali sono:

Acana è un marchio rinomato per la qualità dei suoi prodotti e non realizza test in laboratorio, è specializzato nel food sia di cani che di gatti. La stessa azienda ha un’altra linea, chiamata Orijen, qui troviamo alimenti completamente privi di cereali.

Anche Exlusion Diet non è testata sugli animali, purtroppo però al momento produce solo alimenti per cani.

cruelty free
Facciamo attenzione alla marca che scegliamo, un gesto semplice per proteggere molti animali

Monge è un’azienda italiana specializzata nel pet food, da qualche hanno ha realizzato una linea cruelty free, la Monge Natural Superpremium.

Naturina è un’azienda molto giovane, sempre italiana, che si sta specializzando in prodotti OGM free, Dolphin Safe e Cruelty free. I prodotti sono sia per gatti che per cani e i pasti umidi vengono realizzati cuocendo le carni al vapore.

Natural Trainer è un altro marchio di alta qualità: nelle sue linee troviamo umidi e crocchette per cani e gatti dai gusti davvero particolari. Nel suo catalogo presenta alimenti per ogni tipo di dieta, nessuna linea è testata sugli animali.

Stuzzy ha una linea dedicata ai gatti e una ai cani, utilizza materie grezze e di qualità, molti prodotti sono grain free e monoproteici per migliorare lo stato di salute dei nostri amici a quattro zampe.

26 Condivisioni