venerdì, Giugno 21LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Tartarughe: razze da tenere in casa

Dona una condivisione

Le tartarughe sono un perfetto animale da tenere in casa o negli spazi aperti di essa. Come tutti gli animali domestici necessitano di cure e amore. Ecco le razze da tenere in casa e le loro caratteristiche.

In tutto il mondo ci sono oltre 500 specie di tartarughe. Esse possono essere di terra o d’acqua. Le prime sono perfette da tenere in casa e in inverno vanno in letargo. Le seconde, invece, necessitano di uno specchio più o meno grande d’acqua.

Inoltre, dobbiamo sapere che alcune razze sono vietate per legge e altre sono regolamentate. Anche se possiamo tenere in casa diverse specie queste devono essere obbligatoriamente registrate, anche se le abbiamo trovate e non comprate in negozio.

Tartarughe di terra

Sono quattro le razze di tartarughe di terra considerate domestiche e che si possono regolarmente tenere in casa in Italia.

Tartarughe
Tartaruga di terra

Tartaruga greca

La tartaruga greca, anche detta Testudo Graeca. È una delle specie più diffuse in Italia e in tutta Europa. Sebbene si chiama greca, infatti, essa è originaria di tutta l’Europa e ad oggi si trova in quasi tutto il mondo.

È importante ricordarsi che questo esemplare è vegetariano e che quindi non dobbiamo alterare la loro dieta naturale. Spesso, infatti, accade che l’animale mangi la carne e questo crea non solo dei problemi di salute ma anche dei cambiamenti nel suo carattere.

Questa specie va in letargo. Per questa ragione ha bisogno di terra morbida da poter scavare per interrarsi, anche parzialmente e passare tranquillamente l’inverno.

Tartaruga di Horsfield

La tartaruga di Horsfield, anche detta Testudo Horsfieldii o tartaruga russa, è molto diffusa e apprezzata e comunemente commercializzata come animale da compagnia.

Questa specie rimane abbastanza più piccola rispetto ad altre. Anch’essa va in letargo in inverno, ma è anche abituata a climi più rigidi. Per questa ragione potrebbe succedere che l’animale vada in una sorta di letargo anche in estate, nel corso delle giornate più calde. Questo fenomeno viene definito estivazione.

Come le sue cugine è vegetariana e si nutre principalmente di erbe da campo.

Tartaruga di terra

La Testudo Hermanni Boettgeri è quella che comunemente viene chiamata tartaruga di terra, sebbene anche le altre siano di terra.

Tartaruga di terra
Tartaruga di terra

Si tratta di quella più diffusa in Italia, anche in natura, per questo è abituati al clima mediterraneo. Come le sue cugine è vegetariana, principalmente erbivora e va in letargo d’inverno.

Tartarughe Sarde

La tartaruga sarda, anche detta Testudo Marginata, è molto simile alle altre tartarughe di terre per abitudini e alimentazione.

Anch’essa è vegetariana e va in letargo in inverno. Si differenzia dalle altre specie europee per la grandezza. Questa, infatti, è leggermente più grande e un’esemplare può arrivare a misurare 30 cm di lunghezza.

Tartarughe d’acqua

Le tartarughe d’acqua che si possono tenere in casa, invece, sono quelle d’acqua dolce. In particolare sono quattro razze.

Tartarughe d'acqua
Tartarughe d’acqua

Tartaruga del muschio comune

Questa specie viene dall’America del Nord ed è una specie semi-terrestre. Cammina molto bene sulla terraferma e ama nuotare. Ha bisogno di un pezzettino di terra morbida, ma anche di uno specchio d’acqua dolce.

Tartaruga palustre punteggiata

Anch’essa è una specie semi-acquatica, perciò ha bisogno di entrambi gli ambienti, acqua e terra. Necessita di uno spazio molto ampio ed è una specie carnivora.

Tartarughe palustre dipinta

Anche questa specie necessita di un’ambiente molto grande, in particolare l’acqua. Si tratta di una specie acquatica che d’inverno va in letargo. Essa va in letargo quando le temperature scendono sotto i 10 gradi.

Tartaruga dal ventre verde a collo corto

Infine, questa specie arriva dall’Australia. Anch’essa va in letargo in inverno ed è carnivora.

Razze che non si possono tenere in casa

Le tartarughe marine o d’acqua salata non si possono tenere in casa, in quanto sono a rischio d’estinzione e una specie protetta.

Inoltre, dobbiamo informarci bene sulla specie che vogliamo tenere in casa. Molte specie sono vietate e per altre necessitiamo di una documentazione apposita e della denuncia del possesso.

In generale, tutte le specie esotiche sono vietate.


Dona una condivisione