domenica, Novembre 28LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Endangered Colour, un progetto per salvare gli animali

Dona una condivisione

Endangered Colour” è un progetto fotografico volto a far conoscere le specie animali in via d’estinzione. Scopriamolo insieme.

L’iniziativa e i partecipanti

Il progetto è stato realizzato da Oppo, in collaborazione con il National Geographic. A scattare le bellissime foto dei rarissimi animali in via d’estinzione è stato il fotografo Joel Sartore. Per realizzarle ha utilizzato un Oppo Find X3 Pro.

Endangered Colour
Endangered Colour, il progetto fotografico di Oppo e National Geographic

Vogliamo immortalare la natura nella sua forma più autentica. Vogliamo dare voce a tutte le specie a rischio estinzione, mostrando tutta la bellezza che il nostro Pianeta sa offrire e che rischiamo di perdere per sempre”, spiega Isabella Lazzini, Chief Marketing Officer Oppo Italia.

Endangered Colour fa parte di un più ampio progetto, improntato dal fotografo: Photo Ark. Joel Sartore vuole immortalare tutte le specie in cattività e far prendere maggiore consapevolezza alle persone, insegnandogli l’amore per il nostro pianeta e incoraggiandole a salvaguardarlo.

Oppo e la salvaguardia delle specie a rischio estinzione

Oltre al progetto Endangered Colour, Oppo ha mostrato di avere molto a cuore l’argomento. Essendo venuta a conoscenza della situazione, entrando così strettamente a contatto con il mondo delle specie a rischio estinzione, Oppo ha, infatti, deciso di donare 500 mila dollari alla National Geographic Society, per salvaguardare la fauna del pianeta.

Endangered Colour
Endangered Colour

Inoltre, Oppo ha voluto condurre una ricerca su circa 2000 partecipanti. È emerso che la maggior parte delle persone ha a cuore la protezione delle specie animali a rischio estinzione. Molti di loro hanno anche esposto teorie su come salvaguardarle. Tuttavia, quando Oppo ha mostrato loro le fotografie degli animali più a rischio estinzione, in molti non sapevano di che animai si trattasse.

Endangered Colour, una campagna fotografica con uno smartphone

Per le fotografie scattate da Joel Sartore per Endangered Colour è stato utilizzato, come abbiamo detto un Oppo Find X3 Pro.

Questo nuovo modello di smartphone è caratterizzato da un sistema di gestione del colore a 10 bit, il quale consente di catturare ogni minima sfumatura e cambiamento del colore.

Ed è, infatti, proprio il colore il punto focale di questo progetto fotografico. La campagna è divisa in episodi ed ogni episodio si concentra su un particolare colore, il rosso, il verde, il blu. Gli animali delle fotografie prendono vita in un’esplosione di colori brillanti. Ma ad emergere è la loro incredibile fragilità.

Gli animali di Endangered Colour

Gli animali che vediamo negli scatti del fotografo per Endangered Colour sono bellissimi e rarissimi. La loro esistenza è appesa a un filo e nel progetto lanciato da Oppo e National Geographic lanciano un grido d’aiuto.

Endangered Colour
Gli animali fotografati sono tra quelli a più alto rischio estinzione

C’è, ad esempio, la scimmia leonina, un magnifico esemplare della costa sud-orientale del Brasile. Dagli anni ’90 è considerata ad altissimo rischio estinzione, a causa dei moltissimi esemplari catturati e venduti illegalmente come animali da compagnia.

Il magnifico è possente ghepardo è, anch’esso, tra gli scatti di Joel Sartore. La sua specie è sempre più a rischio, vive ormai solo in aree protette e sta attraversando un difficilissimo problema di riproduzione, a causa della scarsità genetica.

La rana dardo blu è tra le specie, in assoluto, più a rischio estinzione. È stata scoperta solamente 50 anni fa, nelle foreste del Suriname e del Brasile. Ad oggi se ne contano pochissimi esemplari.

C’è, poi, il bellissimo e sgargiante panda rosso, unico rappresentante vivente della famiglia Ailuridae, vive tra l’Himalaya, il Nepal e la Cina. È tra le 100 specie a più alto rischio estinzione.

Fanno la loro apparizione in Endangered Colour anche la Gru Coronata Grigia, la lucertola-alligatore arborea di Bocourt, che vive nella Sierra Madre de Chiapas, e molti altri ancora.


Dona una condivisione