sabato, Novembre 28LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Rischio estinzione per gli animali marini di grosse dimensioni

Quando si tratta di estinzioni animali o distruzione dell’ambiente in cui egli stesso vive chiaramente lo zampino dell’uomo non può mai mancare. Come una tassa, quando bisogna autodistruggersi l’essere umano risponde sempre presente. Negli ultimi anni tra industrializzazione ed inquinamento eccessivo, ha fortemente condizionato l’ambiente e le sue biodiversità, mettendo in serio pericolo molte specie animali.

In realtà le colpe dell’uomo quando si tratta di distruggere risalgono a molti secoli prima, uno degli esempi più conosciuti è l’estinzione del Mammut e di alcune preziosissime piante antibiotiche naturali. Oggi arriva una nuova ricerca, quasi un allarme, che rivela come stia accadendo esattamente lo stesso processo. Ancora una volta a pagarne le conseguenze sarebbero gli animali di grosse dimensioni, in particolare gli animali marini.

Lo studio eseguito dall’università americana di Stanford e riportato sulla rivista Science, evidenzia in maniera piuttosto drammatica, come esista una forte correlazione tra il rischio estinzione e la dimensione di due grandi gruppi di animali marini, vertebrati e molluschi, nel corso degli ultimi 500 anni. Successivamente i risultati sono stati confrontati con quelli ottenuti da un’analisi della documentazione fossile risalente fino a 445 milioni di anni fa, il periodo che copre le cinque grandi estinzioni di massa, con particolare attenzione al periodo di 66 milioni di anni fa.

“Dai nostri studi emerge come più grande sia l’animale, più rischia l’estinzione”, spiega Jonathan Payne, paleobiologo che ha condotto la ricerca. “E gli studi sui fossili indicano che questo non avveniva in passato”.

Lo studio ha preso in esame 2.497 gruppi di vertebrati marini e molluschi, estrapolando da essi tutte le specie estinte nel periodo e comparandole con le più grandi estinzioni di massa del pianeta terra. Secondo gli studiosi non esiste nessun precedente cosi allarmante come quello dell’era moderna. Il rischio della più grande estinzione di massa di grossi animali marini è drammaticamente concreto.

Le solite colpe dell’uomo

Gli esseri umani amano distruggere senza mai comprendere che così facendo in realtà distruggono se stessi. I ricercatori hanno evidenziato come le precedenti estinzioni di massa negli scorsi secoli, avevano tendenzialmente riguardato soprattutto animali marini di piccole dimensioni. Oggi le cose sono cambiate, l’uomo entra in un nuovo ecosistema ed uccide gli animali più grandi. “Gli ecosistemi marini ad oggi erano stati risparmiati, perché l’uomo non aveva la tecnologia adatta per pescare nel mare profondo su scala industriale”.

Tutta la terra a rischio

tonno-rosso1Per il leader dei ricercatori, Johnathan Payne, “molte specie di grandi dimensioni giocano un ruolo fondamentale negli ecosistemi, non solo quelli marini, e la loro estinzione potrebbe portare a pesanti ripercussioni ecologiche che andrebbero ad influenzare il funzionamento strutturali degli ecosistemi stessi”.

A rischio tonni e merluzzi – Lo studio cita come base di esempio la scomparsa delle grandi lumache di mare alla barriera corallina,ovvero la principale forma di protezione delle stesse, senza le quali si sono moltiplicate le stelle marine che mangiano e distruggono il corallo. Esemplare è anche il rischio di estinzione di tonni e merluzzi, a causa della pesca intensiva, che priverebbe l’umanità di una importante fonte di proteine. Riflettete gente!

0 Condivisioni