sabato, Marzo 2LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Registro tumori per cani e gatti

Dona una condivisione

Forse in molti non lo sanno. Le malattie neoplastiche e tumorali stanno aumentando nella cerchia degli amici domestici. Per facilitare la raccolta dati sul numero degli animali malati e garantire le cure necessarie, a Bologna è nato il registro tumori per cani e gatti. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Registro tumori per cani e gatti a Bologna

Tutto nasce da un’iniziativa emiliana volta alla raccolta ed elaborazione dei dati riguardanti le patologie neoplastiche degli amici a quattro zampe presenti sul territorio dell’Ausl bolognese. 

Quello del registro tumori per cani e gatti è un progetto finanziato dalla regione con 40.000 €. Il progetto verrà svolto in collaborazione tra la Ausl di Bologna e il Dipartimento di scienze mediche veterinarie dell’Università di Bologna. Insieme a queste due istituzioni collaborerà anche l’istituto Zoo profilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna e l’ordine dei medici veterinari della provincia di Bologna.

registro tumori cani e gatti
A Bologna nasce il registro tumori per cani e gatti. Scopriamo insieme il progetto

Ma in cosa consiste questo progetto per certi aspetti così rivoluzionario? Lo scopriamo nei prossimi paragrafi in cui vi parleremo di come è nata l’iniziativa e di come verrà utilizzato questo strumento di raccolta informatizzata.

Unico strumento di raccolta informatizzata

Il registro tumori per cani e gatti nasce per diversi motivi. Il primo è la necessità di avere un unico strumento di raccolta informatizzata. Questo strumento permetterà ai veterinari di controllare numeri e dati aggiornati relativi alle malattie neoplastiche dei nostri amici a quattro zampe.

Grazie a questo archivio si potrà svolgere una migliore attività di prevenzione di ricerca, ma soprattutto verificare quanto questi tumori animali possono provenire dall’essere umano o viceversa contagiare i padroni delle bestiole ammalate.

registro tumori cani e gatti
I cani e gatti di bologna malati verranno inseriti all’interno del registro e i loro progressi o deficit verranno registrati costantemente per tenere traccia di come si muovono queste malattie tra uomo e animale

Recenti studi hanno infatti definito gli aspetti istopatologici, genetici e molecolari delle neoplasie spontanei negli animali come aspetti e problematiche diagnostiche terapeutiche analoghe a quelle biologiche dei tumori umani. Molto probabilmente, visto che gli animali da compagnia condividono lo stesso ambiente dell’uomo, si influenzano a vicenda anche nell’aspetto della malattia.

Il progetto in questione quindi come obiettivo anche quello di monitorare la situazione attuale per costituire un indicatore “sentinella” per problemi sanitari che potrebbero presentarsi in un prossimo futuro.

Il registro tumori sarà telematico

Altro aspetto innovativo di questo registro tumori per cani e gatti e che sarà totalmente telematico. In questo modo i medici veterinari della provincia di Bologna potranno fare controlli nell’immediato grazie a questo strumento informatizzato in cui vengono raccolte di elaborati i dati sulle patologie tumorali di Fido e Fuffi.

registro tumori per cani e gatti
Il registro tumori per cani e gatti verrà confrontato dagli esperti con il registro tumori degli umani

Il registro consentirà l’elaborazione di informazioni epidemiologiche. Tali informazioni potranno poi essere messe a confronto con le informazioni presenti nel registro tumori dell’uomo sullo stesso territorio di appartenenza. Legata alla raccolta ed elaborazione dati ci sarà anche una valutazione di interventi di prevenzione oncologica in campo medico veterinario.

Le figure coinvolte nel progetto emiliano hanno dichiarato di impegnarsi a comunicare regolarmente realizzando anche specifici corsi di formazione per informare i padroni e formare nuovi tecnici per la raccolta dei dati epidemiologici.

La dichiarazione di Raffale Donini

Sul progetto si è espresso anche l’assessore regionale alle politiche per la salute Raffale Donini. L’assessore ha dichiarato infatti che poter contare su una raccolta sistematica di qualsiasi informazione utile alle patologie neoplastiche negli animali da compagnia sarà utilissimo sia a fini statistici che per lavorare su ricerca e prevenzione.

“Altro obiettivo del progetto, che mette insieme tante competenze e soggetti diversi, è quello di permettere studi comparativi sul comportamento dei tumori spontanei e sull’eventuale ruolo giocato da fattori di rischio ambientale nel determinare i tumori stessi, nonché di rilevare elementi utili per la prevenzione di neoplasie che colpiscono la specie umana. Una sperimentazione che potrà essere eventualmente estesa a tutta l’Emilia-Romagna”. (Dichiarazione dell’assessore alle politiche per la salute Raffale Donini – fonte salute.regione.emilia-romagna.it)

L’assessore ha poi nominato un gruppo tecnico. Nella squadra ci saranno elementi dell’Ausl Bologna, del Dipartimento di scienze mediche veterinarie dell’Università di Bologna, dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna e dell’ordine dei medici veterinari della provincia di Bologna.

Queste persone dovranno definire specifici documenti e obiettivi. Il loro compito? Informare e condividere all’interno del sistema informatico le informazioni raccolte.


Dona una condivisione