lunedì, Febbraio 6LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

Piante tossiche per cani e gatti

Dona una condivisione

Vediamo insieme oggi una delle insidie che si nascondono dietro ai malanni a volte improvvisi dei nostri amici domestici. Stiamo parlando delle piante tossiche per cani e gatti. Sapevate che ce ne sono alcune tra le più classiche che si tengono proprio in casa che potrebbero addirittura ucciderli? Vediamole insieme.

Piante tossiche: quali sono?

Partiamo col dire che non potete evitare che il vostro best friend Fido o il vostro micio vadano dintorno alle piante. Sia che le abbiate in casa in appartamento, sia quando uscite, il rischio di incontrare alcune di quelle che vi elencheremo c’è sempre e la cosa sbalorditiva è che queste piante tossiche attirano i nostri animali come mosche al miele.

piante tossiche cani e gatti
Quali sono le piante velenose per cani e gatti? Scopriamolo

Riconoscerle però può fare la differenza per tenere a bada bau e mao che vogliano inconsapevolmente avvicinarsi ad esse. Vedremo anche come comportarsi durante una sospetta intossicazione, ma prima un piccolo elenco delle piante che vedremo e che dovete imparare a riconoscere.

Al numero uno…

La Monstera. Sta al primo posto perché è una delle piante da appartamento più gettonate per regali dagli ospiti. Non a caso quasi tutti coloro che si trasferiscono in una casa nuova ne hanno ricevuta una in regalo.

Il problema è che se avete Fido o Fuffi che girano per casa la Monstera è una delle nostre piante tossiche. Si tratta infatti, di una pianta della famiglia delle Aracee. Ha foglie larghe, di un verde acceso ed intenso. Attrae per la sua bellezza nella semplicità assoluta di non avere fiori (che poi alcune fioriscono, ma questa è un’altra storia).

piante tossiche cani e gatti
Al numero uno c’è la Monstera.

I nostri amici a 4 zampe la adorano e vogliono graffiarla o masticarla. All’interno della linfa delle foglie di questa pianta però c’è una sostanza proteica che rilascia istamina. Il cane (o il gatto) verranno subito affetti da irritazione, dolore e ipersalivazione. Alcuni si ritrovano la gola e la lingua talmente gonfi che alla fine non riescono più a respirare.

Le piante tossiche uccidono

Esatto amici, siamo stati forse un po’ crudi nel descrivervi gli effetti dall’intossicazione da Monstera, ma è importante che capiate che le piante tossiche uccidono (e non solo i nostri amici animali).

Le piante sono belle, ma se non si conoscono è bene guardarle da lontano. Un’altra pianta della nostra lista infatti è famosa per aver mandato all’obitorio anche qualche umano nella storia della cronaca del nostro paese. Stiamo parlando dell’Hibiscus, o anche meglio detto Oleandro.

piante tossiche hibiscus
Ecco una foto dell’Hibiscus.

Una pianta molto diffusa nei nostri giardini, soprattutto nelle zone marittime, che ha al suo interno un principio attivo che provoca nausea, vomito, diarrea sanguinolenta, stomatite e convulsioni. Senza stare a parlare dei nostri amici a 4 zampe, per descrivervi la pericolosità di questa bellissima pianta, nel prossimo paragrafo vi raccontiamo anche un caso di cronaca di qualche anno fa.

Escursionisti senza fiato

Qualche anno fa, in zona marittima della Toscana, un gruppo di escursionisti giovani e inesperti giunse dopo ore di cammino in una bellissima pineta a picco sul Mar Tirreno. Decisero di accamparsi e di fare della brace. Per fare il fuoco usarono l’Oleandro.

Risultato? Purtroppo vennero ritrovati senza vita qualche ora dopo da un altro gruppo di escursionisti (stavolta più esperti). Nonostante i soccorsi, i ragazzi ormai erano già tutti morti per un intossicazione data dai fumi dell’Hibiscus.

Stella di Natale

E ora concludiamo con una pianta che a breve sarà in quasi tutte le nostre case: la Stella di Natale. Un dono gradito e meraviglioso per l’uomo, ma tossico per i nostri animali domestici che adorano masticarne le foglie rosse per pulircisi i denti, ma che dopo qualche ora si ritrovano con edema a labbra e lingua e in alcuni casi la congiuntivite.

piante tossiche la stella di natale
La Stella di Natale, tra poco presente in tutte le nostre case, è una delle piante tossiche della nostra lista.

Questa volta, se presa in tempo, visto che gli effetti arrivano dopo qualche ora, l’intossicazione può essere facilmente curata dal veterinario con dei farmaci tipici. 

Ricordate quindi sempre di controllare il vostro animale e ciò che ponete vicino a lui quando siete in casa o fuori casa per un passeggiata. Se sospettate un’intossicazione fatelo subito visitare. A volte basta essere tempestivi e far fare una lavanda gastrica al cane o al gatto (per alcuni spesso preventiva ma sempre efficace).


Dona una condivisione