venerdì, Agosto 12LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA
Shadow

I colori visti dal cane

Dona una condivisione

Al contrario di quello che si è sempre sentito dire sui cani, i nostri amici pelosi vedono i colori. Non hanno quindi una vista in bianco e nero, bensì una percezione del colore diversa dal nostro occhio. In questo articolo scopriamo questa loro qualità e come prenderci cura della loro igiene oculare.

La vista nei cani e nei gatti

Facciamo un piccolo cappello all’argomento di oggi. Cani e gatti vedono il mondo in maniera differente dalla nostra. Hanno una vista particolare, più acuta e particolare, forse è proprio per questo che nel tempo le curiosità in merito si sono ampliate e confuse.

La prima cosa che quasi tutti sanno è che i cani vedono in bianco e nero. In realtà, Fido i colori li vede, ma come vedremo nei prossimi paragrafi, ha una palette colori tutta sua: percepisce ciò che per noi è rosso in maniera più sbiadita, quasi fosse un marrone o un grigio e così via.

i colori visti da cani e gatti
La vista è una cosa seria, anche per cani e gatti. Anche loro vedono i colori, ma non con la stessa percezione di noi umani.

Anche i gatti sono vittima di alcune dicerie in merito alla loro vista: anche per loro i colori fino a poco tempo fa sembravano essere sconosciuti, mentre in realtà adesso sappiamo che riescono a riconoscerne alcuni in maniera molto nitida. Insomma, sia cani che gatti ci vedono benissimo, ma a modo loro.

I colori dipendono dalla luce

Per cani e gatti i colori dipendono dalla luce. Di notte ad esempio i gatti vedono meglio dei cani (e questo è risaputo). I cani invece riescono a mettere a fuoco meglio dei gatti sulle lunghe distanze (non a caso sono spesso utilizzati per la caccia, anche se si pensa erroneamente che lo si faccia solo per le loro capacità olfattive).

i colori visti dal cane
Non vedono in bianco e nero: i cani possono percepire anche i colori

Tutto dipende dalla luce: mentre per i gatti, meno ce n’è e meglio è, per i cani il fattore luce è importante anche in virtù del fatto che vedono i colori in maniera sbiadita.

Cosa vede quindi un cane?

Dal terzo mese di vita un cane vede tutto e anche molto bene. I loro occhi sono molto sensibili ai movimenti, tanto che riescono a percepire altri animali nel raggio di metri (a volte di kilometri).

Appena nascono sono quindi ciechi – un po’ come noi umani che percepiamo mamma e papà solo con l’olfatto nelle prime settimane di vita – e dipendono dalla mamma che li porta in qua e in là e insegna loro a riconoscere gli odori. Per questo il loro olfatto è più sviluppato che in altre specie domestiche.

i colori nella vista del cane
Il cane ha una palette colori tutta sua. Un esempio? Percepisce il rosso come fosse un grigio o un marrone.

Dopo il terzo mese acquisisce mano mano sempre più campo visivo fino ad arrivare ad avere una vista binoculare a 240°. In sostanza grazie alla posizione degli occhi che sono sulla testa, ha un ampiezza di visuale molto grande e periferica.

Anche per questo non vede bene da vicino e si trova meglio a scrutare lontano, verso l’orizzonte. Mette a fuoco da 50 metri di distanza e vede i colori in maniera bicromatica. Un cane quindi vede il blu e il giallo e percepisce il rosso in maniera sbiadita, quasi fosse un grigio o un marrone.

Igiene dell’occhio canino

Capite bene perché il vostro veterinario ci tenga tanto alla salute degli occhi del vostro cane: la loro vista è molto particolare e potrebbe venir compromessa in qualsiasi momento da batteri e virus.

Conviene quindi ponderare e mantenere un buon piano di igiene oculare, magari con delle gocce di collirio appositamente formulato per le cavità oculari del nostro amico Fido. In molti utilizzano la soluzione fisiologica (si proprio quella che utilizzate per pulire il nasino dei vostri bimbi con i lavaggi nasali).


Dona una condivisione