LEGA DEL CANE - SEZIONE DI CARBONIA

Circo con Animali – Cani e Tigri dall’Albania bloccati al porto di Bari

Rosati: appello ai sindaci, smettete di ospitare le carovane con animali

Circo con gli animali ancora al centro di un’operazione di polizia. Per l’ennesima volta l’illegalità segna la vita di tanti esseri viventi il cui destino è per il “divertimento” umano, denuncia Lega nazionale per la difesa del cane. L’ultimo episodio di cronaca si è consumato al porto di Bari dove un’operazione congiunta, Ufficio Dogane, Guardia di Finanza e Nucleo operativo Cites del Corpo forestale dello Stato, ha portato al blocco di un convoglio legato ad una carovana circense proveniente dall’Albania, con ben 38 cani, 9 pappagalli e cinque tigri.

6202624530_150f381508_bL’impunità con cui spesso e volentieri animali di diverse specie passano i confini europei senza il rispetto delle norme sul benessere e la salute, alimenta continue movimentazioni, fortunatamente spesso intercettate dagli organi di controllo – commenta Piera Rosati, Presidente LNDCInfatti, l’ultima operazione di polizia veterinaria ha verificato che la carovana si spostava senza i requisiti sanitari previsti dalla normativa vigente. Gli animali sono stati respinti, ma che ne sarà del loro destino? Da un lato, è indispensabile porre come condizione ai futuri stati aderenti in Europa il rispetto delle direttive europee in materia di rispetto dei diritti animali e il loro recepimento tempestivo. Dall’altro, occorre sensibilizzare i sindaci delle città italiane, come già sta accadendo in diverse località, a preferire sul territorio circhi senza animali. Va chiuso l’indotto, causa di sofferenze e privazioni. Sfruttare animali esotici, cani, volatili, animali selvatici, per ridere, non è segno di civiltà, ma di un passato fatto di imbarbarimento. Basta circhi con animali!”.